Scegliere l’agente immobiliare

 

Vendere e locare gli immobili è un processo complesso, un agente immobiliare serio evita di esporre i partecipanti (proprietario e acquirente o locatario) a rischi e conseguenze significative, seguendo ogni singolo passo con competenza, attenzione e diligenza.

In Italia sono presenti oltre 40.000 agenti immobiliari; alle volte, in base alle proprie necessità, l’esperienza di un agente immobiliare rappresenta non solo una valida soluzione, ma l’unica; scegliere un professionista e affidarsi ad una azienda, in questo mare magno, adeguatamente organizzata e strutturata diventa necessario e complesso.

Vediamo come identificare una figura adatta alle nostre esigenze evitando di incappare in responsabilità dalle conseguenze significative sia economico sia per la disponibilità del bene:

COMPETENZA:

l’agente immobiliare deve essere regolarmente iscritto alla CCIAA (associazione di categoria n.d.r.), meglio se da un periodo significativo, ed essere aggiornato su tutti gli ammodernamenti del settore sia fiscale, sia legislativo, tecnico ecc…; deve essere in grado di svolgere analisi sulla corretta provenienza dell’Immobile e sulla sua conformità dal punto di vista urbanistico e catastale; deve essere in grado di esprimere il valore di vendita/locazione più probabile di un immobile, e inoltre dare riscontro del processo di valutazione facendoci partecipe del come è arrivato al valore indicato; deve applicare l’appropriato metodo valutativo, ovvero eseguire un attento studio comparativo con immobili simili al vostro, non ci si basa su presunta sensazione ma su dati oggettivi facilmente riscontrabili, sopravvalutare un immobile è un danno in termini di tempi di vendita in quanto un valore non riconosciuto dai potenziali acquirenti farà ignorare il vostro immobile a favore di uno con un prezzo più congruo. Ricordiamoci che gli immobili si vendono esclusivamente a prezzi di mercato. Non facciamoci illudere da valutazioni che non hanno alcuna attinenza con la realtà, possono apparire lusinghiere ma non portano mai al risultato, alla firma del contratto.

 

ORGANIZZAZIONE:

Il Team intorno all’agente immobiliare e le sue collaborazioni all’esterno sono necessarie per aumentare le prestazioni dell’agenzia stessa, un organico motivato è più orientato al successo, la rete di collaboratori esterni aumenta la visibilità dell’immobile. Un One man band difficilmente riuscirà a coprire tutte le posizioni, le competenze e i compiti necessari (dal marketing ai sopralluoghi, dalle trattative al rispondere al telefono). Un orchestra ben diretta sarà più orientata al raggiungimento dell’obiettivo del cliente ed offrirà un servizio teso all’eccellenza.

ESPERIENZA:

Lo storico dell’agente immobiliare evidenzia la sua competenza specifica. Se la vostra esigenza è di natura commerciale (negozio, capannone, ufficio ecc…) tendenzialmente è meglio rivolgersi ad aziende con esperienza in questo ambito, piuttosto che nel residenziale. L’expertise del vostro agente immobiliare sarebbe meglio sia in linea con la tipologia di immobile a voi necessario o in vendita/locazione. Uno dei punti di forza dell’Agente immobiliare sono i suoi contatti: più sarà specifica la sua esperienza pregressa maggiori saranno i nominativi in suo possesso a cui potrà proporre il vostro immobile.

TERRITORIO:

La conoscenza del territorio in cui ricade l’immobile è fondamentale in termini di contatti, di aspetti tecnici, di competenze. Un agente presente su territori molto distanti o è uno specialista o ha una rete accreditata di collaboratori; le due condizioni portano ad avere un costo inferiore per sopralluogo, ad essere maggiormente performante e ad essere più veloci nella realizzazione del vostro obiettivo.

COMPENSI:

La provvigione per l’agente è tutto: basse provvigioni non consentono ad un imprenditore di promozionare il vostro immobile al meglio ed obbligano l’agente a dedicare maggior tempo ad immobili in cui i proprietari riconoscono una provvigione più alta. Inoltre l’attività di marketing può essere molto costosa, ed è impensabile investire in un potenziale introito economico basso.

L’INCARICO:

rappresenta l’impegno da parte dell’agente ad essere tuo partner per il tempo necessario alla vendita; ecco perché deve essere per iscritto ed in esclusiva, incarichi verbali non in esclusiva non impegnano veramente l’agente immobiliare e sarà improbabile la conclusione della vendita. Prima di sottoscrivere qualsiasi documento è bene leggerlo attentamente, chiedere delucidazioni sui punti di dubbio e ricevere in maniera inequivocabile tutte le spiegazioni necessarie da parte dell’agente immobiliare. La tempistica dell’incarico la si concorda assieme e sarà parametrica alla difficoltà a far assorbire al mercato il vostro immobile: tre mesi possono essere sufficienti per un appartamento di 70 mq in centro, per un capannone industriale sono ben poca cosa e l’incarico dovrà essere valido non meno di un anno.

Chiama ora

Powered by themekiller.com